le poesie sull'acqua

Poesie e filastrocche sull’acqua

All’interno delle scuole o nelle attività extra scolastiche l’acqua è un elemento interessante da studiare e conoscere.

Esistono anche numerose poesie e filastrocche che servono sempre di più a far avvicinare anche i bambini a questo elemento puro e limpido. Qui le più celebri.

Scende la pioggia la guardo e mi rispecchio… Attendo il ciclo dell’acqua per il suo uso perfetto.
Vanessa Conti

Sboccia un fiore in un prato fiorito, con l’acqua ti annaffio e rimango stupito!
Vanessa Conti

Se vi è una magia su questo pianeta, è contenuta nell’acqua.
Loren Eiseley

la poesia sull'acqua

La tua mente è come quest’acqua, amico mio: quando viene agitata diventa difficile vedere, ma se le permetti di calmarsi la risposta ti appare chiara.
Dal film kung Fu Panda

Acqua di monte,
acqua di fonte,
acqua piovana,
acqua sovrana,
acqua che odo,
acqua che lodo,
acqua che squilli,
acqua che brilli,
acqua che canti e piangi,
acqua che ridi e muggi.
Tu sei la vita e sempre sempre fuggi.
Acqua di Gabriele D’annunzio

Acqua, dolce acqua,
che scorri nei ruscelli e nei fiumi,
che doni vita a ogni creatura,
e che nei nostri corpi fluisce.
Per i bambini sei un gioco,
che spruzzi e che schizzi,
che rinfresca e che ristora,
e che fa felici i loro visi.
Con te si fanno le bolle,
si lavano i giocattoli,
si innaffiano i fiori,
e si rinfrescano gli stanchi pettioli.
Acqua, tu sei un tesoro,
che va rispettato e preservato,
perché senza di te non ci sarebbe vita,
e il mondo sarebbe spoglio e privato.
Bambini, amate l’acqua,
e usatela con saggezza,
perché solo così potrete godere
della sua bellezza e della sua dolcezza.
Acqua dolce Acqua di Alison Iacchini

Le filastrocche sull'acqua

Più ci saranno gocce d’acqua pulita, più il mondo risplenderà di bellezza.
Madre Teresa di Calcutta

E la canzone dell’acqua
è una cosa eterna.
È la linfa profonda
che fa maturare i campi.
È sangue di poeti
che lasciano smarrire
le loro anime neri sentieri
della natura.
Che armonia spande
sgorgando dalla roccia!
Si abbandona agli uomini
con le sue dolci cadenze
Il mattino è chiaro.
I focolari fumano
e il fiumi sono braccia
che alzano la nebbia.
Ascoltate i romances
dell’acqua tra i pioppi.
Sono uccelli senz’ala
sperduti nell’erba!
Gli alberi che cantano
si spezzano e seccano.
E diventano pianure
le montagne serene.
Ma la canzone dell’acqua
è una cosa eterna.
Mattino di Federico Garcia Lorca

Favola rossa, favola blu, l’acqua colorata bevila tu!
Vanessa Conti